mercoledì 10 settembre 2014

Insonne

vi è mai capitato di non riuscire a dormire?
ogni tanto capitava anche a me, ma la notte successiva crollavo.

ora è una mesata che dormo pochissimo e male
non dormo di notte e nemmeno di giorno!

ieri notte mi sono addormentata che erano le 5 del mattino ed ora siamo già al nuovo giorno ed io mi sono alzata dal letto perchè non ne potevo più

vabbè che è un periodo pieno di pensieri e paure, ma se continua così mi resterà solamente di dare una craniata nel muro per riuscire a dormire!

accettasi suggerimenti alternativi alle craniate

sabato 19 luglio 2014

dal libro al blog e......dal blog ai libri!

A me piace leggere. Leggo essenzialmente narrativa, i libri gialli o polizieschi;  non disdegno romanzi ad ambientazione storica, specialmente se mbientati nel medioevo; mi piacciono anche le storie d'amore, ma che non siano stucchevoli e solo piene di immagini vietate ai minori; leggo qualche fumetto, con le migliaia di fumetti dello (s)barbamarito non potrei farne a meno!

Mi piace girare per le librerie, piccole o grandi che siano, mi piace vagare sulle librerie on-line, preferisco il libro cartaceo e forse è per questo che uso poco il lettore e-book.

Il lettore e-book non posso certo portarmelo a letto, dove spesso mi addormento facendomi cadere il libro dalle mani, temo che l'e-book reader se ne avrebbe molto a male!

In una delle mie innumerevoli visite in libreria ho scoperto questo libro di Claudia de Lillo "Non solo mamma".
Mi ha attratto la copertina, il giorno dopo sarebbe stata la festa della mamma e la mia era a casa sua (670 km) di distanza e poi mi sembrava l'immagine adatta a tante donne che conosco!
Leggendo le avventure di questa super mamma, con 2 figli (ora 3), un marito partime che si divide fra milano, aerei per londra e la famosissima città di A oltre oceano e Bari mi è venuta voglia di leggere il suo blog.
Così sto vedendo crescere questi pargoli, e soprattutto vedo una mamma che cerca di sopravvire alla famiglia, al lavoro e che cerca di ritagliarsi dei piccoli spazi tutti per se e per essere anche testimonial di AMREF.
Una NONSOLOMAMMA a pieno titolo!
p.s. ha pubblicato anche altri due libri: "non solo due" e "dire fare baciare" (una mamma specializzata in maschi che parla di femmine, dire un esperimento molto ben riuscito!)


 Nel mio vagare di blog in blog ho conosciuto il blog di Simona Fruzzetti: "a casa di Simo", un blog dai toni molto ironici, così come è l'autrice.
Si parla di tutto: figlia, marito, amicizie, cucito, cucina, ricamo, craft room, delle figure che sarebbe meglio non fare.....ecc ecc.
Scordavo parla anche delle sue creature: "il male minore" e "chiudi gli occhi".
Confesso ho aspettato molto per leggerli, ero molto scettica, dubbiosa, titubante.........

Una delle bellezze di questa donna è stata la sua risposta ad una proposta che gli abbiamo fatto assieme al barbamarito: "tornando da Roma vorremmo passare da Pisa per prenderci un caffè assieme.....ti va di incontrarci?"
Detto e fatto!
Un incontro all'insegna delle risate e della voglia di condividere parole e non solo.

I suoi libri hanno un pregio: le descrizioni sono molto dettagliate , ma assolutamente non noiose. 
Cominciando a leggere "Chiudi gli occhi" mi sono ritrovata ad essere la veterinaria che andava al galoppo sulla spiaggia e sentiva la salsedine intrecciarsi ai suoi capelli rossi! Una scrittrice che sa farmi entrare così tanto in quello che scrive ha tutto il mio rispetto.
Ne "il male minore" mi sono ritrovata ad essere la libraia che cerca di inseguire un suo sogno.
Due bei libri, non vi racconterò le storie, spero di avervi lasciato con quel pizzico di curiosità che vi faccia venire voglia di leggerli.

sabato 5 luglio 2014

un estraneo in casa..........ovvero l'arrivo dell'alieno!

sta mattina il (barba)marito è andato dal barbiere come lo costringo a fare almeno due volte l'anno per scorciare i capelli e dare una sistemata alla barba ed ai baffi.
Se lo chiamo barba un motivo ci sarà!

bene.....sono passate ore e il BARBA ancora non è tornato!

è arrivato a casa uno che:
parla come il barba,
si muove come il barba,
ha gli occhi del barba,
ha la voce del barba,
mi abbraccia come il barba,
che ride come il barba,
alto come il barba,
mangia le stesse cose del barba,
che ha provato a baciarmi come il barba,
e mi ha anche detto TI AMO!!

ma dico un bacio senza più i baffi e la barba!!!
non è il barba!
è qualcuno che si è impossessato del suo corpo!







il mio barba senza barba........un alieno!
ho un alieno in casa!

rivoglio il barba con la barba!



p.s. le streghe preferiscono i mici agli alieni!

venerdì 2 maggio 2014

esperimenti culinari cioè.......fettuccine che non si spezzano!

dopo 14 anni di tentativi con varie farine, con uova, senza uova, con acqua, senza acqua, con olio o senza olio.......finalmente delle fettuccine che non si spezzano in cottura e che non si incollano mentre le tagli con la macchinetta!

ieri ho preso il coraggio e ho provato un mix di farine naturali senza glutine seguendo la ricetta che ho trovato in questo blog: uncuoredifarinasenzaglutine, seguendo la seconda versione.

Ingredienti:

  • 100gr di farina di riso
  • 250gr di Amido di Mais
  • 250gr di Fecola di Patate
  • 10gr di Xantano
  • sale qb
ho fatto le tagliatelle senza uova perchè le avevo finite ed avevo comunque voglia di provare a farle!


Queste tagliatelle avevano due difetti:


  • mio marito direbbe "sapiano di picca", cioè erano poche!
  • il colore: bianchissime, certo che senza uova e con farine che sembrano talco non potevo aspettarmi qualcosa di meno anemico!
debbo riprovare a farle con le uova e vedere se tirando la sfoglia più sottile riesco a farci anche la pasta ripiena!

le ho condite con un semplice sugo con cipolla e pomodoro!

domenica 6 aprile 2014

non sono una food blogger!

è parecchio che non scrivo.
in quest mesi troppe cose e persone a cui stare dietro e naturalmente le mie energie non sono aumentate, di conseguenza ho dovuto lasciar andare un po' di cose che mi piaceva fare, tra cui lo scrivere qua!

oggi, complici gli avanzi della cena di ieri sera con una collega e suo marito, il barba che è fuori a giocare a frecce, la voglia di scrivere.....

ho fotografato gli avanzi prima che divenissero cibo!

gli gnocchi sono i classici gnocchi con le patate:
patate lessate con la buccia, spellate e schiacciate e mischiate con un pizzico di noce moscata, sale, uova, farina (per me biaglut pacco da 1 kg per pane e paste lievitate)


per le polpette:
1/2 macinato di vitellone per polpette
1/2 macinato di petto di tacchino
uova
grana
aglio
prezzemolo
pane raffermo ammollato nel latte
impastato il tutto e passate le polpette nella farina di riso (di quella consentita)
mettere le polpette in un tegama con un goccio di olio e di acqua e far cuocere a fuoco lento fin tanto che l'acqua sarà completamente evaporata e far rosolare le polpette.

per le melanzane:
melanzane grigliate (sta volta surgelate) e fatte scongelare a temperatura ambiente
per la salsa: olio, aglio, foglie di menta, qualche goccia di limone e acciughe. poco di tutto, il giusto tocco per dare un sapore diverso dal solito, ma dove niente soffochi gli altri sapori.


pane con semi oleosi e grano saraceno:
400 gr di mix per pane (per me nutrifree per pane)
100 gr di farina di grano saraceno (per me pastificio annoni)
50 gr di semi oleosi: sesamo, papavero, girasole (per me nutri free)
15 gr di lievito di birra fresco
500 gr di acqua
10 gr di olio d'oliva

domenica 6 ottobre 2013

gocce di....

dolore.
quel dolore che ti attanaglia ogni volta che ti trovi a fare i conti con la malattia che si è impossessata della tua vita ed i limiti che lei ti ha imposto!

quelle gocce che ti scorrono sul viso quando la tua lotta coi limiti è proprio ai ferri corti.

ti dicono che la malattia va accettata, alle persone che mi dicono ciò io ribatto sempre: "io non accetto di stare male, ogni giorno combatto per stare al meglio di quello che posso. il giorno che dovessi accettare completamente la malattia ed i suoi limiti, probabilmente smetterei di combattere"

ero arrivata a non poter uscire di casa da sola, non guidavo più, non riuscivo neanche più a ricamare cucire o semplicemente a sfogliare un libro. ho passato più di un anno a ciondolare dentro casa, l'unica cosa che riuscivo a fare era guardare la tv.

malattia significa dolore, sofferenza e guerra. 
guerra alla malattia per cercare di stare al meglio.
guerra contro i pregiudizi delle persone che ti circondano.
guerra con te stesso, che combatti e non ti arrendi.

lunedì 2 settembre 2013

cuscini e cuscinetti!

Finalmente sono riuscita a crearmi in casa uno spazio, anche se non è proprio la posizione ideale, per riuscire a tenere la macchina da cucire sempre aperta. Il tavolo è piccolino....va bene lo stesso!


Quindi mi sono rimessa all'opera con 2 cuscini per due sorelline: ho preso un pannello e l'ho trapuntato e fatto i cuscini.

Sopra un primo piano del ranocchio e della ranocchia e a seguire i cuscini sui letti delle bimbe.











Poi i cuscinetti per le fedi per il matrimonio di due coppie di amici, la tecnica è la stessa, ma l'effetto è totalmente diverso.

Ho cominciato il tutto con un semplicissimo ricamo, con solo le iniziali degli sposi e la data del matrimonio.



 Sto ricominciando a cucire......speriamo di non avere più periodi di sosta così lunghi.